Scarica la nuova versione di Kali Linux 2020.2

Nonostante le turbolenze nel mondo, ecco spuntare dal nulla un fantastico aggiornamento

Diamo uno sguardo rapido a tutte le novità:

  • KDE Plasma Makeover & Login
  • PowerShell by Default
  • Kali on ARM Improvements
  • Lessons From The Installer Changes
  • New Key Packages & Icons
  • Behind the Scenes, Infrastructure Improvements

KDE Plasma Makeover & Login

XFCE e GNOME si sono rinnovati ed è giunto il momento di tornare alle radici (quelle di backtrack-linux ) e dedicare un po’ d’attenzione in più verso KDE Plasma. Ed ecco come si presentano i temi chiari e scuri per KDE Plasma:

Per quanto riguarda il tema, è stata modificata la schermata di accesso (lightdm). Diversa, sia graficamente che nel layout (i box di login sono allineati ora)!

PowerShell by Default

Qualche tempo fa, hanno inserito PowerShell nel repository di Kali Linux. Questo significa che se vuoi PowerShell, devi installare il pacchetto:

times @ times: ~ $ sudo apt installa -y powershell

Ora PowerShell è in uno dei metapacchetti (primari), kali-linux-large. Ciò significa che se scegli di installare questo metapacchetto durante l’installazione del sistema, o una volta che Kali è attivo e funzionante (sudo apt install -y kali-linux-large), se PowerShell è compatibile con la tua architettura, puoi semplicemente saltarci dentro (pwsh)!

PowerShell non è nel metapacchetto di default (ovvero kali-linux-default), ma può essere incluso durante l’installazione del sistema.

Kali on ARM Improvements

Con Kali Linux 2020.1, le immagini desktop non utilizzavano più “root / toor” come credenziali predefinite per accedere, ma si erano spostate su “kali/kali”. Le nostre immagini ARM sono ora le stesse. Non si utilizza più l’account super user per accedere.

Se si vuole usare Kali su SD sarà necessario usarne una da almeno 16 GB. Un’ultima nota in materia di dispositivi ARM, non si installerà più tutto locales-all, quindi ti consigliamo vivamente di impostare le impostazioni internazionali. Questo può essere fatto eseguendo il comando sudo dpkg-reconfigure locales, quindi sloggarsi e riloggarsi.

Lessons From The Installer Changes

Con Kali Linux 2020.1 è stato annunciato il nuovo stile di immagini, “installer” e “live”.

Problema: Era previsto che sia “installer” sia “live” potessero essere personalizzati durante l’installazione, per selezionare quale metapacchetto e ambiente desktop usare. Quando lo facevamo, non potevamo includere metapacchetti al di là di quelli di default in quelle immagini, in quanto si sarebbe generata una ISO troppo grande. Poiché i pacchetti non erano presenti nell’immagine, se veniva selezionato qualcosa di diverso dalle opzioni predefinite, sarebbe stato necessario l’accesso alla rete per scaricare i pacchetti mancanti. Dopo il rilascio, abbiamo notato che alcuni utenti hanno scelto “tutto” e quindi dovevano aspettare ore affinché si concludesse il download. Gli stessi utenti non riuscivano a capire perché le installazioni richiedessero così tanto tempo.

Soluzione:

  • È stato rimosso kali-linux-everything come opzione durante la fase d’installazione per evitare tempi di download troppo lunghi
  • Abbiamo memorizzato nella cache kali-linux-large e ogni ambiente desktop nell’immagine di installazione (motivo per cui Kali è un po’ più grande di prima da scaricare) – così da rendere possibile un’installazione COMPLETA eoffline
  • Abbiamo rimosso la personalizzazione per le immagini “live” – ​​il programma di installazione è tornato a copiare il contenuto del filesystem live così da permettere l’installazione offline completa, ma forzando l’utilizzo del desktop XFCE predefinito

Sommario

  • Se desideri eseguire Kali da un’immagine live (DVD o chiavetta USB), utilizza “live”
  • Se vuoi qualcos’altro, utilizza l’”installer”
  • Se desideri qualcosa di diverso da XFCE come ambiente desktop, utilizza l’”installer”
  • Se non sei sicuro, vai di “installer”

Esistono pochissime ragioni per avviare l’installazione kali-linux-everything e molti altri validi motivi che ci portano verso un’installazione standard. Quindi meglio prima impratichirsi con le installazioni standard e solo successivamente scaricare gli extra strumenti necessari.

New Key Packages & Icons

In ogni nuova versione di Kali Linux sono inclusi gli ultimi pacchetti possibili. In questa versione troviamo:

  • GNOME 3.36 – alcuni di voi potrebbero aver notato un bug che si è verificato durante le prime 12 ore di aggiornamento. In questa versione sono state messe in atto delle misure affinché ciò non accada di nuovo
  • Joplin – si sta pensando di sostituire CherryTree con questo in Kali Linux 2020.3!
  • Nextnet
  • Python 3.8
  • SpiderFoot

Per il momento, come misura temporanea a causa di alcuni tool che ne hanno bisogno, è stato reinserito python2-pip. Python 2 ha ora raggiunto “End of Life ” e non viene più aggiornato. 

Per ogni tool si stanno aggiornando tutti i loghi. Li troverai nel menu di Kali Linux, così come nella pagina degli strumenti su GitLab.

Se il tuo strumento ha un logo e non lo trovi qui, puoi segnalarlo su tracker dei bug (https://bugs.kali.org/bug_report_page.php).

WSLconf

Un approfondimento di circa 35 minuti su WSL lo trovi nel video di @steev ha su https://www.youtube.com/watch?v=f8m6tKErjAI. Vai a dare un’occhiata!

Behind the Scenes, Infrastructure Improvements

In Kali hanno festeggiano l’arrivo di nuovi server: un nuovo server ARM per testare i pacchetti. Questo potrebbe non essere direttamente evidente per tutti, ma l’utente potrebbe comunque trarne dei vantaggi!

Kali Linux NetHunter

Gli sviluppatori di Kali erano così entusiasti del lavoro svolto di recente con NetHunter, che avevano già una versione intermedia così da renderla disponibile il più rapidamente possibile.

Oltre a tutte le precedenti notizie di NetHunter, c’è ancora di più da annunciare questa volta!

  • Il supporto di Nexmon è stato riattivato, portando il supporto al monitor WiFi e il frame injection al wlan0 su Nexus 6P, Nexus 5, Sony Xperia Z5 Compact e altro!
  • Le immagini di OpenPlus 3T sono state aggiunte alla pagina di download.
  • Si è passato attraversato 160 kernel diversi nei repository, consentendo a NetHunter di supportare oltre 64 dispositivi! Sì, sono supportati oltre 160 kernel e oltre 64 dispositivi. Sorprendente.
  • La pagina di documentazione ha ricevuto un meritato aggiornamento, in particolare la sezione di sviluppo del kernel.

Una delle domande più comuni su NetHunter è “Su quale dispositivo devo eseguirlo?”. Tieni d’occhio questa pagina (https://kalilinux.gitlab.io/nethunter/build-scripts/kali-nethunter-devices/nethunter-images.html) per vedere quali sono le tue opzioni su una base aggiornata automaticamente!

Quando pensi alla quantità di potenza che NetHunter fornisce in un pacchetto così compatto, è davvero strabiliante. È stato fantastico osservare questi progressi e per tutto il tempo il team di Kali è entusiasta di mostrarti cosa sta per accadere in futuro.

Scarica Kali Linux 2020.2

Allora, cosa stai aspettando? Inizia a scaricare la nuova distro da qui: https://www.kali.org/downloads/!

Aggiornamenti esistenti. Se hai già un’installazione esistente, ricorda che puoi sempre fare un aggiornamento rapido:

kali @ kali: ~ $ echo "deb http://http.kali.org/ times kali-rolling gioca un contributo non libero" | sudo tee /etc/apt/sources.list
times @ times: ~ $
times @ times: ~ $ sudo apt updates && sudo apt -y full-upgrade
times @ times: ~ $
times @ times: ~ $ [-f / var / run / reboot-required] && sudo reboot -f
times @ times: ~ $

Ora dovresti essere su Kali Linux 2020.2. Fai un rapido controllo facendo:

times @ times: ~ $ grep VERSION / etc / os-release
VERSION = "2020.2"
VERSION_ID = "2020.2"
VERSION_CODENAME = "times-rolling"
times @ times: ~ $
times @ times: ~ $ uname -v
# 1 Debian Middle School 5.5.17-1 volte1 (2020-04-21)
volte @ volte: ~ $
volte @ volte: ~ $ uname -r
5.5.0-volte2-amd64
volte @ volte: ~ $

NOTA: l’output di uname -r può variare in base all’architettura del sistema.

Potrebbero interessarti anche...